Registrazione     
sabato 27 maggio 2017    
 Chi Siamo  

Ricordatevi di registrarvi!  Così potrete utilizzare tutte le funzioni del sito. Grazie!!!

Un'agenzia della Società Biblica Britannica & Forestiera (SBB&F), presente in Italia fin dai tempi del Risorgimento, si è stabilita a Roma nel 1870. Dal 1985 ha sede in una grande arteria del centro storico, in Via IV novembre 107/108. I locali consistono in un appartamento al secondo piano dove si trovano gli uffici, l'archivio e la documentazione: da qui si mantengono i contatti con clienti e sostenitori di tutto il territorio nazionale.

 Nel 1983 si è costituita legalmente la Società Biblica in Italia (SBI ) che promuove la diffusione della Bibbia in tutto il mondo, distribuendo materiale interconfessionale e raccogliendo fondi necessari a tale scopo. E' "un'associazione cristiana indipendente, non legata ad alcuna confessione religiosa, senza scopo di lucro, avente per oggetto la massima diffusione delle Sacre Scritture da realizzarsi mediante le attività atte alla promozione di quest'opera".

L'adesione alla Società Biblica in Italia è aperta a tutti quelli che ne condividono le finalità ed è oggi più che mai necessaria. Tale Società è amministrata da un consiglio eletto dai soci, nel quale, per statuto, tutte le confessioni cristiane possono essere rappresentate. Il Segretario Generale della SBI è il direttore della SBB&F, cioè Valdo Bertalot; il Presidente è il prof. Eric Noffke.

La SBB&F e la SBI fanno parte dell'Alleanza Biblica Universale (ABU) - United Bible Societies (UBS), un'organizzazione internazionale fondata nel 1946, che riunisce e coordina il lavoro di circa 150 società bibliche.

Gli uffici centrali dell'ABU si trovano nelle vicinanze di Londra: a Crawley la direzione europea (da cui dipende l'Italia) e a Reading quella mondiale.

A Swindon si trova la sede operativa della British & Foreign Bible Society, fondata a Londra nel 1804, nella cui attività missionaria affondano le radici della nostra SBB&F.

Compito delle Società Bibliche è quello di tradurre, stampare e diffondere il testo biblico. In Italia si pubblica la versione Diodati e la sua revisione fatta dal Luzzi (Riveduta) e la successiva revisione (Nuova Riveduta) per le chiese evangeliche; la Traduzione Interconfessionale in Lingua Corrente (TILC) in coedizione con la Libreria Dottrina Cristiana (Elledici): oltre dieci milioni di copie dal 1976. Nel 2014 è stata pubblicata la revisione dell'intera Bibbia. È in corso la Traduzione Letteraria Ecumenica (TLE) del Nuovo Testamento. È stata iniziata la nuova traduzione protestante, la cui stampa del Nuovo Testamento e Salmi è prevista per il 2017, 500° anniversario della Riforma Protestante. La Società Biblica Britannica & Forestiera inoltre distribuisce altre Bibbie in traduzioni italiane, in edizioni in lingue straniere e le edizioni critiche dei testi originali (ebraico e greco). La Società si occupa del testo biblico non entrando in merito al commento del medesimo.

Le Società Bibliche hanno anche il compito di promuovere la diffusione della Bibbia nei paesi economicamente più svantaggiati del mondo. Nella stessa Europa inoltre (e quindi anche in Italia) la Bibbia viene venduta ad un prezzo facilmente accessibile. Questo non sarebbe possibile senza il concorso generoso di molti sostenitori.

Gli uffici centrali dell'ABU collaborano strettamente con le varie Società Bibliche sparse per il mondo, concorrendo finanziariamente alla realizzazione dei loro obiettivi. Per esempio, la pubblicazione di una Bibbia in Rwanda (Africa) è stata finanziata anche dai sostenitori della Società Biblica in Italia; molte Società Bibliche hanno promosso una campagna di raccolta fondi per offrire ai paesi dell'ex Unione Sovietica una tipografia per stampare la Bibbia in loco. La collaborazione non si esaurisce a livello economico, ma continua per le traduzioni e per la consulenza tecnica e scientifica.

L'ABU considera importante stimolare le diverse confessioni cristiane a svolgere insieme il proprio lavoro, perché comune è il loro fondamento: la Bibbia.

Segni di questa cooperazione, che ha varie articolazioni a livello nazionale, sono, per esempio, gli accordi per la traduzione e la diffusione della Bibbia stipulati con il Pontificio Consiglio per la promozione dell'Unità dei Cristiani (1968 e 1987), con la Federazione Biblica Cattolica (1991 e 2008) e con la Chiesa Ortodossa Russa (1991).

La Bibbia - o parte di essa - alla fine del 2015 è stata tradotta in circa 2.900 lingue sulle 6.900 lingue principali. Eppure c'è ancora molto lavoro da fare: aggiornare le traduzioni, tradurre la Bibbia anche in lingue poco note, cercare di diffondere le Scritture in quei paesi dove non sono ancora conosciute. Nonostante l'impegno profuso, l'ABU non riesce a soddisfare tutte le richieste...

Per questo invitiamo tutti a sostenere generosamente il lavoro missionario della Società Biblica con offerte.


 Le Società Bibliche (SB)

   “Le Società Bibliche nazionali si riuniscono insieme in un’associazione mondiale come Alleanza Biblica Universale (ABU) per consultarsi, sostenersi reciprocamente e per agire insieme nel loro comune compito di raggiungere la diffusione massima, effettiva e significativa di Sacre Scritture e aiutare la gente ad interagire con la Parola di Dio. Le Società Bibliche realizzano il loro lavoro in accordo e cooperazione con tutte le Chiese cristiane e con le organizzazioni collegate con le Chiese”. (Assemblea Mondiale di Midrand, anno 2000) 

 

 

 Dopo più di 200 anni dalla fondazione della prima Società Biblica avvenuta nel 1804 in Inghilterra, il movimento delle SB ha raggiunto ormai una dimensione mondiale coinvolgendo tutte le realtà ecclesiali cristiane nel comune impegno di diffusione della Sacra Scrittura in una lingua comprensibile e ad un prezzo accessibile a tutti.

E’ stato proprio questo l’impegno alla base della nascita della Società Biblica Britannica e Forestiera l’8 marzo 1804 a Londra quando 300 laici si riunirono in una locanda per costituire un’associazione per realizzare tale scopo. Erano persone appartenenti a più ceti (medi e alti quali commercianti, ufficiali, funzionari amministrativi, parlamentari e diplomatici) e alle diverse Chiese. Accolta immediatamente con un vastissimo interesse nel proprio paese, essa ha ampliato la sua presenza anche in molti paesi legati all’impero britannico, oltre a promuovere la nascita di SB in altre nazioni, (Germania-Wurttemberg 1812, Russia 1813, Olanda 1814, Svezia 1815, Stati Uniti 1816, Francia 1818, Grecia 1819…). L’intento iniziale era di offrire un servizio ed una collaborazione per l’‘apostolato biblico’ a tutte le realtà ecclesiali. Le persone coinvolte attivamente, prima solo laiche ma poi anche appartenenti al clero, provenivano dalle diverse Chiese, ma senza una esplicita nomina o delega da parte delle stesse. A titolo personale, queste persone collaboravano con tutte le Chiese senza, però, dipendere da loro. Per non generare contrasti a carattere confessionale le Società Bibliche decisero di pubblicare la Bibbia senza note e commenti.

Tale situazione durò poco. Varie tensioni all’interno delle Chiese protestanti per la presenza dei libri deuterocanonici nella Bibbia, per la denuncia delle SB da parte delle Chiese cattolica ed ortodossa perché considerate strumenti di un polemico proselitismo, denuncia seguita anche da dure condanne papali nel corso del XIX secolo, hanno impedito l’avvio e la crescita di una collaborazione sistematica intorno alla diffusione della Bibbia. Così le SB sono rimaste vicine al solo mondo protestante. Non estranee a questo ‘clima freddo’ sono state anche le turbolenti vicissutidini politiche e sociali dell’Europa di allora. Nel corso del XX secolo nasce il movimento ecumenico e soprattutto dopo la seconda guerra mondiale la collaborazione ‘biblica’ fra le Chiese riprende ed aumenta sensibilmente, come il Concilio Vaticano II afferma con la promulgazione della ‘Dei Verbum’. Infatti le SB, riunitesi nel 1946 nell’associazione Alleanza Biblica Universale (ABU), avviano rapporti specifici di collaborazione con il Consiglio Ecumenico delle Chiese alla fine degli anni ‘40, con la Chiesa Cattolica negli anni ’60 e negli anni ’90 con la Chiesa Ortodossa Russa ed il Patriarcato Ecumenico di Constantinopoli, raggiungendo così una sempre più effettiva e piena cooperazione in ogni aspetto del lavoro (traduzione, stampa e diffusione della Bibbia). Ad oggi le SB sono impegnate insieme alle Chiese in circa 600 progetti di traduzione o revisione della Bibbia nelle lingue di tutto il mondo e diffondono annualmente circa 500 milioni di testi biblici (Bibbie, Nuovi Testamenti, singoli libri biblici o loro selezioni).

 

Società Biblica Britannica e Forestiera -Via IV Novembre, 107 - 00187 Roma - Tel. 0669941416 Fax. 0669941702 - P. Iva 00907651004 - C.C.I.A.A. -NREA 540211

 
Copyright (c) 2017 Società Biblica Britannica e Forestiera   |  Privacy  |  Condizioni d'uso